IL LETTORE DI PROVINCIA

Semestrale
Comitato di redazione: Domenico Berardi; Graziano Benelli; Bruno Pompili; Franco Contorbia; Franco Mollia; Cino Pedrelli.
Rubriche: Saggi.

Consulta gli altri fascicoli della rivista:



Anno 2015 - N. 145
Luglio/Dicembre
(a cura di Marina De Leonardis)

PER RENATO SERRA
MARINO BIONDI, Introduzione. Epocalità. La vigilia e la guerra
Introduzione del fascicolo a firma del curatore, con una breve presentazione dei contributi e un inquadramento storico-letterario dell’opera di Renato Serra.
Pag. 3-49

ALICE CENCETTI, Il mondo di prima della trincea del Podgora
Cenni biografici su Renato Serra, con particolare riguardo agli anni che precedono la prima guerra mondiale. Quando inizia la guerra Serra ripensa alla sua vita sino ad allora: amicizia, donne, legami famigliari.
Pag. 51-64

ROBERTO SANDRUCCI, Il 1915 di Renato Serra
Il contributo di Roberto Sandrucci “Il 1915 di Renato Serra” va a riempire tutto lo spazio necessario sull’anno capitale delle decisioni finali, il 1915. Viene analizzato il “Diario di trincea” di Renato Serra.
Pag. 65-75

GIANANDREA ZANONE, Cesare Angelini. "Il critico" e "Il primo critico puro": la morte di Renato Serra nel 1915
Gianandrea Zanone ha scritto dell’amicizia di Serra con Cesare Angelini. Con documenti inediti.
Pag. 77-97

ANTONIO GIAMPIETRO, La percezione della crisi. Misticismo e inquietudine in Charles Péguy e Renato Serra
Antonio Giampietro firma un contributo su Serra e Péguy, allo specchio delle reciproche inquietudini.
Pag. 99-107

CORRADO PESTELLI, Serra e Panzini. Scambio testuale, dialogo abbozzato, colloquio muto, fra biciclette e trincee
Un contributo sui dialoghi di Serra con Panzini sulla riviera di Bellaria.
Pag. 109-146

ANTONIO CASTRONUOVO, La montagna dei taccuini. Diari al Podgora, tra Serra e Spallicc
Analisi comparata dei diari di guerra di Renato Serra e di Aldo Spallicci, due emergenze tra tanti diari.
Pag. 147-157

GIOVANNI CAPECCHI, 'Il volto della guerra': sul "Diario di trincea" di Renato Serra
Giovanni Capecchi, autore di un importante libro sulla letteratura della Grande Guerra, tratta del "Diario di trincea" e della sua scrittura non più letteraria.
Pag. 159-168