ESPERIENZE LETTERARIE

Rivista trimestrale di critica e di cultura fondata da Mario Santoro, già diretta da Marco Santoro.
Trimestrale
Direzione e redazione
: Carmela Reale (Università della Calabria, Istituto Nazionale di Studi sul Rinascimento Meridionale).

Consiglio direttivo: Giorgio Baroni, Andrea Battistini, Arnaldo Bruni, Paolo Cherchi, Andrea Gareffi, Pietro Gibellini, Nicola Merola, Matteo Palumbo, Marco Santagata, Giovanni Saverio Santangelo.
Comitato di redazione: Maria Cristina Cafisse, Antonia Fiorino, Anna Santoro, Samanta Segatori, Paola Zito.
Comitato redazionale estero: Luigi Avonto (Uruguay), Marie Hélène Caspar (Francia), Françoise Decroisette (Francia), Franco Fido (Stati Uniti), Francesco Furlan (Francia), Francesco Guardiani (Canada), Georges Güntert (Svizzera), François Livi (Francia), Albert N. Mancini (Stati Uniti), María De Las Nieves Muñiz Muñiz (Spagna), Michel Olsen (Danimarca), Francisco Rico (Spagna), Paolo Valesio (Stati Uniti), Krzysztof Zaboklicki (Polonia), Diego Zancani (Gran Bretagna).
Segreteria di redazione: Carmela Reale, Samanta Segatori, Paola Zito.
Amministrazione: Fabrizio Serra editore, Pisa-Roma. Uffici di Pisa: via Santa Bibbiana 28 - I 56123. Uffici di Roma: Via Carlo Emanuele I 48 - 00185.
Abbonamenti: Italia: € 115,00 (privati); 295,00 (enti). Estero: € 165,00 (privati); € 345,00 (enti). Fascicolo singolo: € 80,00
Rubriche: Saggi; Contributi; Note; Occasioni; Recensioni; Schede bibliografiche.

Consulta gli altri fascicoli della rivista:

Rivista trimestrale di critica e di cultura

Anno 2017 - N. 4
ottobre-dicembre
(a cura di Carmela Reale)


LUCA FRASSINETI, Il Monti principiante: per l'aggiornamento del canone (su autografi longianesi e forlivesi)
L'articolo discute e commenta sette lettere di Vincenzo Monti al maestro Girolamo Ferri per il secondo semestre del 1774 riordinate e ricollazionate sugli autografi. Vi sono comprese le trascrizioni di diciotto sonetti, due dei quali sconosciuti ai repertori specialistici, in vista del censimento aggiornato della produzione giovanile del poeta prima del suo trasferimento a Roma (maggio 1778). Nel saggio è inoltre pubblicata una lettera inedita dello stesso Monti a un amico erudito romagnolo (forse Francesco Leopoldo Bertoldi) del luglio 1777.
Pag. 3-31

VALERIA MEROLA, L'altro Moravia: una lettura di "1934"
Il romanzo "1934" consente di interpretare in modo diverso l'ultimo Moravia, che non può essere letto con le stesse categorie utili per i suoi titoli più celebri, riducendo tutta l'opera intorno allo spartiacque della "Noia". Il caso "1934" è significativo perché nel romanzo degli anni Ottanta si combina l'impostazione realistica con un romanzesco distopico. La storia dell'innamoramento di Lucio per Beate, sullo sfondo di una malinconica Anacapri, è vissuta dal protagonista nel tentativo di 'stabilizzare' la propria disperazione. L'impulso autodistruttivo individuale scorre in parallelo con quello storico del totalitarismo, a sua volta allusivo anche al terrorismo degli anni Settanta.
Pag. 33-47
CONTRIBUTI
FIAMMETTA D’ANGELO, Tra Cerriglio e cerro : verba e res nelle Muse napolitane di Giambattista Basile
Nelle "Muse napolitane" il dialetto napoletano si unisce ad una sensibilità barocca, prismatica. La struttura egloghistica indica un’idea perfomativa del testo, ma anche etica. Fedele al 'verum', Basile sa riprodurre il multiforme libro del mondo, ma deve rinunciare a ricomporlo. In particolare, nelle egloghe I, III, IV, IX il rapporto verba-res riconsegna il vivere, tra riso e pianto, a Calliope.
Pag. 49-77

GIUSEPPE PALAZZOLO, Tempi e luoghi del "kairòs" in Manzoni
Il saggio si propone di analizzare la funzione del 'kairós', del tempo opportuno, nell’opera di Alessandro Manzoni: nelle poesie, nelle tragedie e nel romanzo è frequente la presenza di un luogo chiuso, sotto la forma del carcere, del convento, ma anche dell’isola, del « castellaccio », del lazzaretto, dove si manifesta il tempo propizio della conversione.
Pag. 79-92

ROBERTA COLOMBI, Svevo artista burlone: il dolore trasformato in riso in “Una burla riuscita”
Attraverso l’analisi del racconto di Svevo "Una burla riuscita" (1928) il saggio verifica la funzione dell’umorismo e la sua radice esistenziale alla luce della riflessione teorica di Freud ("Il motto di spirito") e delle considerazioni di Pirandello ("L’umorismo"). Sullo sfondo di quanto aveva già rilevato Bergson, le strategie umoristiche da questi analizzate risultano funzionali ad oggettivare l’esperienza dolorosa tramite un doppio processo di distanziamento e sdoppiamento/mascheramento, rispondendo così al bisogno di esorcizzare un trauma. In tale prospettiva il testo sveviano conferma questo meccanismo che consente all’autore di sdoppiarsi e proiettarsi nei personaggi, ridere di sé e dei propri dolori. Le tracce autobiografiche di cui è intessuto il testo, legate alle vicende editoriali dei romanzi sveviani e alla sua difficile affermazione critica, consentono di leggerne l’umorismo come esito del distanziamento dal dolore e l’invenzione letteraria come mezzo per sanare la ferita inferta dal disinganno.
Pag. 93-102

NUNZIO RUGGIERO, Tradurre in famiglia. La "Duchessa d’Andria" tra Risorgimento e fascismo
Tra dilettantismo e cosmopolitismo, l’esperienza letteraria di Enrichetta Capecelatro (1863-1941) si inserisce nella tradizione del cattolicesimo liberale promossa dall’aristocrazia napoletana nell’Italia dell’Otto-Novecento. L’ambiente familiare nel quale si compie la sua educazione letteraria definisce uno spazio culturale in cui disciplina linguistica e disciplina morale coincidono. In tal modo, la pratica della traduzione eseguita tra le mura domestiche si rivela non solo come veicolo per la diffusione delle letterature straniere, ma anche come servizio utile a riscattare i valori del Risorgimento sequestrati dal Fascismo.
Pag. 105-119
OCCASIONI
ROBERTO NICOLAI, Corrado Calabrò e la necessità della poesia
Le pagine di Nicolai riguardano il libro di Carlo Di Lieto "La donna e il mare. Archetipi della scrittura di Corrado Calabrò" (Milano, Vallardi, 2016), che lo stesso Nicolai aveva presentato a Roma nel febbraio 2017.
Pag. 121-126
CONVEGNI
GIOVANNA MARIA PIA VINCELLI, Cronaca del Convegno "Donne, terme e bellezza a Ischia nel Rinascimento" (Napoli-Ischia, 2-6 maggio 2017)
Vincelli inquadra le relazioni tenute nel Convegno internazionale "Donne, terme e bellezza a Ischia nel Rinascimento" (Napoli-Ischia, 2-6 maggio 2017) con la partecipazione di studiosi italiani e stranieri, che hanno proposto le loro ricerche sul circolo intellettuale creatosi a Ischia intorno a Vittoria Colonna, sull'importanza delle cure termali e sulla loro rappresentazione letteraria dall'antichità classica ai nostri giorni, sul concetto e le cure di bellezza nel Rinascimento. Il Convegno, organizzato dall'Istituto Nazionale di Studi sul Rinascimento Meridionale, è stato tenacemente voluto da Carmela Reale, intendendo così anche ricordare e celebrare Marco Santoro, che ne era stato l'ideatore e per primo ne aveva curato l'organizzazione.
Pag. 127-133
RECENSIONI
NATASCIA TONELLI , Fisiologia della passione. Poesia d'amore e medicina da Cavalcanti a Boccaccio
Firenze , Ed. Edizioni del Galluzzo per la Fondazione Ezio franceschini - 2015 (Teresa Caligiure)
pag. 135-138


STEFANO CARRAI, Boccaccio e i volgarizzamenti
Roma-Padova , Ed. Antenore - 2016 (Marcello Sabbatino)
pag. 138-140


Fra le carte di Olindo Guerrini: carteggi, erudizione, autografi di rime, gastronomia rinascimentale , a cura di Elisa Curti
Bologna , Ed. I libri di Emil - 2017 (Carmela Reale)
pag. 140-143


MARIA LUISA DOGLIO, Letteratura e retorica tra Cinquecento e Seicento
Firenze , Ed. Cesati - 2016 (Carmela Reale)
pag. 145-150


BIANCA DI MATTEO, Arcadia al femminile: vita e opere di Petronilla Paolini Massimi
Lanciano , Ed. Carabba - 2017 (Alfonso Ricca)
pag. 150-151


IGINO UGO TARCHETTI, Disjecta. Frammenti lirici , a cura di Roberto Mosena
Lanciano , Ed. Carabba - 2017 (Maria Cristina Cafisse)
pag. 151-152


FRANCESCA CASTELLANO, Il sangue, l’inchiostro. Storia di Carlo Dossi
Firenze , Ed. Società Editrice Fiorentina - 2016 (Marcello Ciocchetti)
pag. 152-154


Ritratti. Caleidoscopio di personaggi nel teatro di Luigi Pirandello , a cura di Dina Saponaro, Lucia Torsello
Roma , Ed. Bulzoni - 2016 (Loredana Palma)
pag. 154-155


Romanzi nel tempo. Come la letteratura racconta la storia
Roma-Bari , Ed. Laterza - 2017 (Rosa Francesca Farina)
pag. 155-158