All for Joomla All for Webmasters


ACCORDO ITALINEMO - S.ORSOLA:

IN COLLABORAZIONE CON:

SI RINGRAZIANO PER IL SOSTEGNO:

«Misure critiche» è stata fondata tra il 1970 e il 1971 da Gioacchino Paparelli, eminente studioso di Dante e dell'Umanesimo, con un programma finalizzato a rivendicare la centralità del testo e il pluralismo metodologico; si veda in proposito il numero speciale (n.1-2, 2006) Da Dante a Quasimodo. Giornata di Studio per ricordare Gioacchino Paparelli.
La rivista ha avuto una regolare continuità per circa un trentennio; dopo la scomparsa del fondatore, dal 2002 ha iniziato una Nuova Serie con pubblicazione semestrale.
La Rivista nel corso degli anni ha proposto saggi e contributi distribuiti su tutti i secoli della letteratura italiana, firmati da studiosi italiani e stranieri, europei e nordamericani. Alcuni di questi studi nascevano anche da progetti che vedevano coinvolti diversi componenti della direzione e della redazione della rivista insieme a studiosi di università straniere o da progetti di ricerca pluridisciplinare di notevole riscontro nazionale (l'Umanesimo-Rinascimento meridionale, l’Illuminismo, Salfi, Lomonaco, Letteratura ed emigrazione).
Ha contribuito alla valorizzazione di alcuni scrittori del Novecento, come l'italoamericano Giose Rimanelli e Nino Palumbo, ai quali sono stati dedicati anche n.ri speciali; ha pubblicato inediti importanti come ad esempio: le lettere di Vincenzo Cuoco; testi poetici sul terremoto del 1783; scritti di Francesco Gaeta e inediti di Giorgio Caproni, etc.; ha contribuito in modo significativo alla riscoperta di momenti e protagonisti della letteratura e della cultura meridionale privilegiando il paradigma critico dionisottiano di geografia e storia della letteratura italiana (si vedano in particolare i saggi sull'Umanesimo-Rinascimento, sul Settecento illuministico, sull'età napoleonica, sull'Ottocento).
Un significativo spazio ha dedicato anche al teatro, in particolare meridionale; si veda il n.ro speciale con contributi di studiosi italiani e stranieri ed altri  fascicoli con analisi anche di inediti.
La Rivista (nuova serie) ha dedicato due numeri speciali ai risultati delle ricerche condotte nell’ambito del dottorato in “Italianistica” dell’Università di salerno; ma anche in altri fascicoli sono presenti contributi di giovani studiosi quale risultato delle loro tesi di dottorato.
Una peculiare attenzione la Rivista ha rivolto al mondo della scuola aprendosi al dibattito sulla didattica della letteratura e sulle modalità di veicolare la ricerca universitaria nella pratica didattica.
La Rivista si avvale di un Comitato di referee anonimi ai quali i testi vengono preliminarmente sottoposti. 


Vai allo Spoglio