All for Joomla All for Webmasters


SI RINGRAZIANO PER IL SOSTEGNO:

Calendario eventi

<< Luglio 2019 >> 
 Lu  Ma  Me  Gi  Ve  Sa  Do 
  1  2  3  4  5  6  7
  8  91011121314
15161718192021
22232425262728
293031    

ULTIMO AGGIORNAMENTO: 27/06/2019 ** SCHEDE AL 30/0/2019: 60.910** SCHEDE AL 27/06/2019: 60.952

Alessandra, Edizioni dell'Orso, 2013, XII-172 p., 17 euro

Nella smisurata intertestualità dei Promessi Sposi uno dei settori più rilevanti è occupato dai romanzi di Walter Scott. Eppure lo scrittore scozzese è stato spesso considerato un semplice imbrattacarte, un serbatoio di immagini pittoresche da enumerare con arida pedanteria. Questo volume si propone ‒ al contrario ‒ di inscrivere gli echi scottiani in un discorso organico, che sappia indagarne il significato e rendere conto delle affinità profonde che intercorrono fra Scott e Manzoni. Il saggio prende le mosse dall'analisi del rapporto tra l’imagination romantica e la fioritura del romanzo storico, approda a un’innovativa interpretazione dell’artificio dell’anonimo e dell'autoreferenzialità (dove Escher e Gödel si intrecciano a Pascal e ai libri sapienziali), si addentra nella disamina dello stile e culmina infine nello studio dell’importanza rivestita dalla compassione.

Alessandria, Edizioni dell'Orso, 2013, XXIV-60 p., 15 euro

L’Orfeo di Pavese ha un destino, una “rupe” che gli grava sulle spalle: l’esser poeta. Il destino di colui che canta la vita e la morte è isolamento, esclusione, allontanamento; ma, al tempo stesso, la poesia è il mezzo per superare il limitato orizzonte dell’Io e giungere alla vastità del Sé universale che dà senso e salvezza alla vita dell’uomo. Partendo dal mito classico di Orfeo e dall'Inconsolabile pavesiano l’autrice presenta un’originale analisi del rapporto di Pavese con il mito attraverso diversi filtri interpretativi. Furio Jesi, la religio mortis e il suo tormentato rapporto con il mitologo ungherese Károly Kerényi, la concezione pavesiana dell’esperienza come reminiscenza soggettiva, il ruolo salvifico di Mnemosyne, il rimorso dei salvati nella Casa in collina, i simboli iniziatici della luna, del fuoco e del nudismo, l’impegno editoriale alla collana viola, le affinità con Mircea Eliade… fino ad arrivare al bisogno ontologico di Pavese di religio e di sacrum come punti cardinali della sua vita e della sua poetica. Un’immagine “altra” e diversa di Pavese che lo accompagna attraverso un lungo viaggio iniziatico nel “regno delle madri” fino alla tragica discesa nel gorgo della morte.